lunedì 21 maggio 2018

Teoria stringhe vs teoria gravità: Veneziano vs Newton

Fonte - Science - La teoria delle stringhe, Veneziano, si confronta contro quella della gravità, continuando ad attirare giovani scienziati e ricercatori. 


Gabriele Veneziano, una teoria quella delle stringhe che fa dell'eleganza e la sua architettura il suo cavallo di battaglia, al punto tale da lanciare la singolare sfida a quella della gravità:

Teoria stringhe vs teoria gravità: Veneziano vs Newton
Teoria stringhe vs teoria gravità: Veneziano vs Newton

proprio come avvenne tanto tempo fa nelle leggi della teoria il cui padre risponde al nome di Isaac Newton, anche Veneziano lancia la sua sfida alla fisica cosi come la conosciamo oggi!

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE: 

Unione stelle neutroni genera onde gravitazionali

 
La teoria della gravità potrebbe dunque essere scalfita da quella delle stringhe la cui immagine da 50 anni dell'universo e ai limiti della fantascienza, proponendo una visione rivoluzionaria di unità di misure e dimensioni che sarebbero non più un 3D ma bensì in 4 dimensioni:

Ecco che il padre di quest'ultima teoria che rivoluzionerebbe la fisica cosi come la conosciamo oggi, Gabriele Venziano, convinto assertore di un immagine dell'universo e dello spazio del tutto inimmaginabile!

E' arrivato a Firenze per partecipare al convegno che celebra i 50 anni della teoria, organizzato l'11 maggio da Galileo Galilei Institute (Ggi), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e Università di Firenze, con il contributo del Cern di Ginevra e del Centro Internazionale di Fisica Teorica (Ictp) di Trieste.

"E' difficile dire quale potrà essere il futuro della teoria delle stringhe, la mia speranza è che un giorno si riesca a risolvere la teoria, molto complicata dal punto di vista formale e matematico", ha detto all'ANSA Veneziano, che ha lavorato a lungo nel Cern di Ginevra e al College de France di Parigi.
Teoria delle stringhe
Teoria delle stringhe

"In molti - ha proseguito - ritengono che la teoria delle stringhe non sia verificabile, ma io non sono d'accordo".

Lo afferma forte di quanto è accaduto alla prima versione della teoria della stringhe:

"Si vide che non funzionava e si riuscì a invalidarla. La nuova teoria è più complicata, ma ha i suoi talloni di Achille, e sappiamo che, se a un livello più accurato di analisi una teoria non risolve certi problemi, può essere effettivamente invalidata e superata".

Fonte: Science

giovedì 17 maggio 2018

Epatite mediata da cellule T alterata nei topi

Fonte - Biological Research - L'influenza alfa del recettore del proliferatore del perossisoma (PPARα), un regolatore degli enzimi coinvolti nell'ossidazione del β, è stata segnalata per influenzare l'attivazione dei linfociti. 


Lo scopo di questo studio era di determinare se la PPARα svolga un ruolo nell'epatite mediata dalle cellule T indotta da Concanavalin A (ConA).

Epatite mediata da cellule T alterata nei topi
Epatite mediata da cellule T alterata nei topi

Topi wild type (wt) o PPARα-carenti (PPARα - / -) sono stati trattati con ConA (15 mg / kg) mediante iniezione endovenosa 0, 10 o 24 ore prima del sacrificio e raccolta del siero e del tessuto per l'analisi della lesione tessutale, citochina risposta, attivazione e caratterizzazione di cellule T.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE: 

Cosa controlla evoluzione cervello: gene Clock


Dieci e 24 ore dopo la somministrazione di ConA, i topi wt avevano lesioni epatiche significative come dimostrato dai livelli sierici delle transaminasi, infiltrato di cellule infiammatorie, apoptosi degli epatociti ed espressione di diverse citochine tra cui l'interleuchina 4 (IL4) e l'interferone gamma (IFNγ).

Al contrario, i topi PPARα - / - sono stati protetti da danno epatico indotto da ConA con riduzioni significative del rilascio di enzimi sierici, ridotto infiltrato di cellule infiammatorie, apoptosi epatocellulare e espressione di IFNγ, nonostante abbia livelli simili di attivazione di cellule T epatiche ed espressione di IL4.

Questa resistenza al danno epatico è stata correlata con un numero ridotto di cellule T (NKT) natural killer e la loro reattività in vivo alla alfa-galattosilceramide.

È interessante notare che il trasferimento adottivo di wt o PPARα - / - splenociti ha ricombinato la lesione epatica con ConA e la produzione di citochine in topi immunodeficienti combinati carenti di linfociti, gravi che implicano PPARα nel fegato:

possibilmente attraverso il supporto dell'espressione di IL15 e / o soppressione della produzione di IL12 e non il linfocita come regolatore chiave dell'attività delle cellule T e danno epatico indotto da ConA.

Presi insieme, questi dati suggeriscono che il PPAR al fegato svolge un ruolo importante nella lesione epatica mediata da ConA attraverso la regolazione del reclutamento e / o sopravvivenza delle cellule NKT.

Fonte: Biological Research

mercoledì 16 maggio 2018

Scoperta incredibile NASA da resti navicella sepolta

Fonte - The Verge - Gli scienziati hanno scoperto la più grande prova che l'acqua possa essere fuoriuscendo dalla superficie della gelida luna di Giove Europa.


Si tratta di una rivelazione che è stata sepolta in profondità negli archivi di una navicella spaziale della NASA morta da tempo.

Scoperta incredibile NASA da resti navicella sepolta
Scoperta incredibile NASA da resti navicella sepolta

Nel 1997 la sonda di Giove, Galileo, volò vicino a un geyser quando passò vicino a Europa, raccogliendo dati che andavano trascurati all'epoca.

Ma ora, l'incontro è stato portato alla luce 20 anni dopo e fornisce agli scienziati la prima misurazione ravvicinata di uno dei pennacchi d'acqua di Europa.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE:

Perché la NASA lancerà astronave su Marte


Fino ad ora, gli scienziati hanno fortemente sospettato che l'acqua si riversasse da Europa, ma la questione non è stata completamente risolta.

L'unica prova che abbiamo per questi geyser proviene dal telescopio spaziale Hubble della NASA, che ha catturato immagini di acqua che fuoriesce dalla luna lontana nel 2012 e nel 2016.

Ma le immagini di Hubble sono state prese da lontano e sono piuttosto confuse;

non sono stati considerati come prova definitiva.

Questa scoperta di Galileo, dettagliata oggi in Astronomia naturale, "è la prova più forte che abbiamo finora in termini di vedere le firme di un pennacchio a Europa", Xianzhe Jia, scienziato planetario all'Università del Michigan e autore principale dello studio, dice a The Verge.

Si pensa che le piume di Europa derivino da un oceano globale di acqua salata in agguato sotto la crosta della luna.

È una caratteristica che ha reso questo mondo ghiacciato un candidato ideale nella ricerca di vita altrove nel nostro Sistema Solare.

L'acqua è vitale per la vita qui sulla Terra, così tanti si sono chiesti se gli organismi potrebbero essere in grado di sopravvivere anche nelle acque dell'Europa.

E i pennacchi offrono una grande opportunità per studiare cosa c'è dentro questo oceano.

Gli scienziati non hanno bisogno di inviare un veicolo spaziale per atterrare sulla luna e perforare nella sua superficie ghiacciata;

possono semplicemente inviare un veicolo per volare sulla luna e provare i suoi pennacchi - un tipo molto più semplice di missione da portare fuori.

Fonte: The Verge

martedì 15 maggio 2018

Come scegliere password sicure anti hacker

Fonte - CNBC - Durante le passate settimane, Twitter ha chiesto agli utenti di reimpostare la password come precauzione, dopo aver scoperto un bug nel modo in cui memorizzavano le password. 


La piattaforma sociale è tutt'altro che sola, a marzo, MyFitnessPal, una app di dieta e fitness di proprietà di Under Armour, ha rivelato che i dati di 150 milioni di account utente erano stati compromessi, che potrebbero includere password criptate.

Come scegliere password sicure anti hacker
Come scegliere password sicure anti hacker

Per anni, gli esperti di sicurezza informatica hanno avvertito di dover abbandonare le password, che molte persone riutilizzano in tutti gli account, lasciandole vulnerabili agli hacker.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE: 

Pericolo privacy clienti SunTrust


"La persona media ha probabilmente più di 100 account online con cui mantenere la password", ha dichiarato Caleb Barlow, vice presidente di IBM Security. ha detto Caleb Barlow, vice presidente di IBM Security.

Caleb Barlow, vice presidente di IBM Security
Caleb Barlow, vice presidente di IBM Security

"Ciò che alla fine accade è che tutti escogitano una sorta di schema e finiscono per riutilizzare il sito di queste password dopo il sito dopo il sito", ha affermato.

"La sfida è che una volta che un sito è stato violato e che la password diventa disponibile, non ci vuole molto per i cattivi a ruotare verso il prossimo sito, e provare lo stesso ID utente e password."

La persona media utilizza da otto a 12 password, secondo Charles Henderson, un partner di gestione globale con X-Force Red di IBM Security, un team che le aziende pagano per testare la loro sicurezza.

"Sapevamo che le password erano una cattiva idea 20 anni fa, ma siamo qui oggi", ha detto Henderson.

Il team di Henderson in IBM ha creato una macchina speciale chiamata Cracken che può rompere le password fino a 14 caratteri in meno di 5 minuti.

La tecnologia è simile a quella utilizzata dai criminali informatici.

"Utilizza una serie di schede video che sono molto adatte a questo specifico tipo di matematica e attraversano ogni possibile permutazione.

Può fare milioni di esse in un secondo. Nel corso di quel periodo di 5 minuti, può provare ogni singolo alla password di 14 cifre che puoi radunare ", ha detto Henderson. 

Fonte: CNBC

lunedì 14 maggio 2018

Dati mortalità infantile Inghilterra vs Svezia

Fonte - The Lancet - La mortalità infantile è quasi il doppio in Inghilterra rispetto alla Svezia. 


Abbiamo mirato a stabilire in che misura le caratteristiche di nascita avverse e i fattori socioeconomici spiegano questa differenza.

Dati mortalità infantile Inghilterra vs Svezia
Dati mortalità infantile Inghilterra vs Svezia

Abbiamo sviluppato coorti rappresentative a livello nazionale di singleton livebirths tra il 1 ° gennaio 2003 e il 31 dicembre 2012, utilizzando l'Hospital Episode Statistics in Inghilterra e il Swedish Medical Birth Register in Svezia, con follow-up longitudinale da ricoveri ospedalieri collegati e record di mortalità.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE: 

Bambini affetti ansia sociale: pregiudizi attenzionali


Abbiamo analizzato la mortalità come risultato, basato su decessi per qualsiasi causa all'età di 2-27 giorni, 28-364 giorni e 1-4 anni.

Abbiamo adattato i modelli di regressione di rischio proporzionale di Cox per stimare i rapporti di rischio (HR) per l'Inghilterra rispetto alla Svezia in tutte e tre le fasce di età.

I modelli sono stati adattati per le caratteristiche di nascita (età gestazionale, peso alla nascita, sesso e anomalie congenite) e per fattori socioeconomici (età materna e stato socioeconomico).

La coorte inglese comprendeva 3 932 886 nascite e 11 392 decessi e la coorte svedese comprendeva 1 013 360 nascite e 1927 decessi.

Le HR non corrette per l'Inghilterra rispetto alla Svezia erano 1 · 66 (95% CI 1 · 53-1 · 81) a 2-27 giorni, 1 · 59 (1 · 47-1 · 71) a 28-364 giorni, e 1 · 27 (1 · 15-1 · 40) a 1-4 anni.

A 2-27 giorni, il 77% del rischio di morte in eccesso in Inghilterra è stato spiegato dalle caratteristiche di nascita e un ulteriore 3% da fattori socioeconomici.

A 28-364 giorni, il 68% del rischio di morte in eccesso in Inghilterra è stato spiegato dalle caratteristiche di nascita e un ulteriore 11% da fattori socioeconomici.

A 1-4 anni, l'HR rettificato non indicava una differenza significativa tra i paesi.

L'eccesso di mortalità infantile in Inghilterra rispetto alla Svezia è stato in gran parte spiegato dalla distribuzione sfavorevole delle caratteristiche di nascita in Inghilterra.

I fattori socioeconomici hanno contribuito a queste differenze attraverso associazioni con caratteristiche di nascita avverse e aumento della mortalità dopo 1 mese di età.

Le politiche per ridurre la mortalità infantile in Inghilterra potrebbero avere un impatto maggiore riducendo le caratteristiche di nascita avverse migliorando la salute delle donne prima e durante la gravidanza e riducendo lo svantaggio socioeconomico. 

Fonte: The Lancet

domenica 13 maggio 2018

Barriere coralline finiranno prima del secolo

Fonte - Science - L'assorbimento del biossido di carbonio antropogenico dall'atmosfera sta riducendo il pH degli oceani. 


L'acidificazione degli oceani significa che il carbonato di calcio, il materiale con cui sono costruite le barriere coralline, sarà più difficile da generare e si dissolverà più rapidamente.

Barriere coralline finiranno prima del secolo
Barriere coralline finiranno prima del secolo

Eyre et al. segnala che alcune barriere coralline stanno già sperimentando la dissoluzione del sedimento netto preoccupantemente, i tassi di perdita aumenteranno con l'intensificarsi dell'acidificazione dell'oceano.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE: 

Collaborazione Iran e Afganistan per rinascita oasi morta


L'acidificazione dell'oceano si riferisce all'abbassamento del pH dell'oceano a causa dell'assorbimento di CO2 antropogenica dall'atmosfera.

Barriere coralline finiranno prima del secolo
Fig.1

Si prevede che la calcificazione della barriera corallina diminuisca man mano che gli oceani diventano più acidi.

La dissoluzione delle sabbie di carbonato di calcio (CaCO3) potrebbe esacerbare enormemente la perdita di barriera associata a calcificazione ridotta, ma attualmente è scarsamente vincolata.

Qui vi mostriamo che la dissoluzione di CaCO3 nei sedimenti di barriera corallina in cinque siti globalmente distribuiti è negativamente correlata con lo stato di saturazione aragonite (Ωar) di acqua marina sovrastante e che la dissoluzione del sedimento di CaCO3 è 10 volte più sensibile all'acidificazione degli oceani rispetto alla calcificazione dei coralli.

Di conseguenza, i sedimenti della barriera corallina a livello globale passeranno dalla precipitazione netta alla dissoluzione netta quando l'Ωar dell'acqua di mare raggiunge 2,92 ± 0,16 (previsto intorno al 2050 CE).

In particolare, alcune barriere coralline stanno già sperimentando la dissoluzione del sedimento netto.

Fonte: Science

sabato 12 maggio 2018

Unione stelle neutroni genera onde gravitazionali

Fonte - Sciene - Quattro volte negli ultimi 2 anni, i fisici che lavorano con i rilevatori di onde gravitazionali giganti hanno percepito qualcosa che si urterebbe nella notte, inviando increspature invisibili nello spazio-tempo. 


Circa un anno fa, hanno annunciato il rilevamento di un quinto di tali disturbi, ma questa volta gli astronomi lo hanno visto anche a ogni lunghezza d'onda della luce dalle radiazioni gamma alle onde radio.

Unione stelle neutroni genera onde gravitazionali
Unione stelle neutroni genera onde gravitazionali

Proprio come i fisici avevano predetto, la visione senza precedenti del cataclisma cosmico - in cui due stelle di neutroni superdense si incurvavano l'una nell'altra - portava con sé una cornucopia di intuizioni, ognuna delle quali sarebbe di per sé un importante progresso scientifico.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE: 

Ligo non rileva solo le onde gravitazionali: li produce 


"È davvero un grande dono che la natura ci ha regalato", dice Alessandra Corsi, radioastronoma alla Texas Tech University di Lubbock.

Unione stelle neutroni genera onde gravitazionali
Fig.1

"È un evento che cambia la vita."

Alle 12:41 ora universale del 17 agosto, i fisici con tre massicci strumenti - i due rivelatori di 8 chilometri di lunghezza del Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (LIGO) a Hanford, Washington, e Livingston, in Louisiana (Fig.2), e il 6 km Rivelatore della Vergine vicino a Pisa, onde macchiate dall'Italia diverse da quelle viste prima.

Unione stelle neutroni genera onde gravitazionali
Fig.2

I quattro eventi precedenti durarono, al massimo, alcuni secondi, con onde gravitazionali che si increspavano a frequenze di decine di cicli al secondo.

La nuova sirena ha cantato per 100 secondi a frequenze che salivano a migliaia di cicli al secondo. Mentre il segnale precedente proveniva da coppie di immensi buchi neri che si muovevano rapidamente a spirale l'un l'altro:

il nuovo segnale rivelava stelle di neutroni più leggere, 1,1 e 1,6 volte più grandi del sole, che si roteano inesorabilmente insieme, i ricercatori hanno annunciato in conferenze stampa parallele a Washington, DC, e Garching, Germania.

Fonte: Science